Se stai leggendo queste righe sicuramente avrai compreso quanto possano essere importanti i pipistrelli nell’ecosistema del tuo giardino!
Invitarli a vivere nella tua bat box non è complicato ma sarà necessario tenere in considerazione alcuni fattori per aumentare le probabilità di successo. Inoltre questo è l’unico modo possibile per avere dei pipistrelli in giardino…

Vorrei comprare un pipistrello per la mia bat box!…

I chirotteri non si possono infatti acquistare poichè sono animali protetti, l’unica cosa che si può fare è creare le migliori condizioni perché uno di questi animaletti alati si trovi a suo agio nella casetta che stai per preparargli!

Altezza

Ogni animale sceglie il suo nido in modo che sia il più possibile al riparo dai predatori e così anche i pipistrelli. Per creare una condizione sicura in cui possano riposare questi piccoli mammiferi è necessario posizionare la bat box almeno a 4 metri di altezza dal suolo. Un buon modo per tenerla alla giusta altezza e al riparo dalle intemperie potrebbe essere non distante dal tetto di una struttura di 2 piani.

Ostacoli

Dei 4 metri di altezza minima cui abbiamo posizionato la batbox, almeno 3 metri sotto la casetta dovranno essere completamente liberi, per facilitare l’insediamento. Così sapranno di essere al sicuro da qualsiasi animale che potrebbe arrampicarsi vicino alla loro tana e avranno un facile accesso in casa! Inoltre è meglio evitare luoghi in cui siano presenti lampioni, pali, rami, fronde. Ogni ostacolo disincentiverebbe l’insediamento. Infatti in natura troviamo spesso i chirotteri insediati in alberi secchi e morti, senza rami, facili da raggiungere e con cavità ad altezza di sicurezza.

I pipistrelli sono animali molto sensibili

Come abbiamo visto nel blog “I pipistrelli, alleati contro le zanzare!” questi mammiferi sono estremamente sensibili, tanto da essere considerati ottimi bioindicatori per la qualità dell’ambiente. Per questo motivo è sconsigliato pitturare la bat box con qualsiasi tipo di vernice, sia per i materiali presenti nella vernice, sia per l’odore che emanerebbe. A questo proposito, un buon trucco è quello di interrare la bat box per un po’ di tempo, anche uno o due giorni. In questo modo perderà l’odore di nuovo ed eventuali altri odori. Inoltre, come è noto, i pipistrelli prediligono ambienti umidi perciò questa procedura potrà dare al legno un aroma simile.

Fonti di luce artificiale

è molto importante che di notte la zona in cui è installata la bat box non sia interessata dalla luce di lampioni o altre fonti luminose artificiali, che potrebbero infastidire il sonno dei pipistrelli o mandarli in confusione sul ciclo veglia-sonno.
Dunque la bat box godrà di notte di buio profondo e durante il giorno sarà illuminata dalla luce naturale.

Esposizione

è consigliabile che la bat box sia esposta alla luce naturale in un punto in cui il sole batte direttamente per mezza giornata, per esempio solo il pomeriggio, in modo da scaldare il rifugio per la notte, senza eccesso.

Tempistiche

Quando installare la bat box? Quando vuoi! Non c’è un momento dell’anno migliore di un altro. I pipistrelli sceglieranno la loro casa a inizio primavera ma, per quanto detto fin ora, se installerai la bat box in un altro periodo avrà più tempo per perdere odori sgradevoli ed essere considerata dagli animali una parte stabile di quell’ambiente, in cui potersi insediare.

Quanto tempo impiegherà la bat box ad essere colonizzata?

Questo è proprio un interrogativo che non può avere risposta. Sono molti i fattori dai quali dipende l’insediamento dei chirotteri nei diversi ambienti, pur seguendo tutte le accortezze, potrebbe essere questione di giorni, mesi o anche anni.
Quando potrete gioire per l’arrivo dei pipistrelli? Quando noterete del guano sotto la loro casetta!

Antiparassitari

Nell’attesa che i nuovi inquilini scelgano di insediarsi, controlla ogni tanto la bat box perché non venga occupata da altri ospiti. Nel caso potresti usare un antiparassitario per allontanare eventuali insetti abusivi.