Antiparassitari: 3 regole per prepararsi al meglio alla stagione in arrivo

Con la primavera le temperature si alzano e gli insetti e parassiti di vario genere tornano a tormentare i nostri amici animali.

Inoltre le brevi e violenti piogge tipiche della primavera seguite da un bel sole spesso già molto caldo (e sempre più caldo della norma negli ultimi anni) fanno sì che l’erba cresca in fretta e offra terreno fertile a pulci e zecche in questo periodo.
Se è vero che una manutenzione del giardino di casa è assolutamente di aiuto per combattere le infestazioni primaverili, è pur vero che molti dei parassiti che i nostri pelosi si ritrovano nel mantello spesso provengono anche dalle passeggiate in aiuole cittadine piuttosto che sugli argini dei fiumi.
Come combattere allora un “nemico” che non si vede?

Le parole d’ordine sono: principio attivo giusto, costanza, protezione globale.

  • Principio attivo giusto

    Spesso nei nostri negozi il cliente lamenta il fatto che l’antiparassitario scelto non è efficace.
    A volte infatti, come per le medicine, un principio attivo sul nostro cane o gatto può essere più o meno efficace di altri, in base alla zona in cui si abita, alla modalità di somministrazione e a quanto se ne è fatto uso nelle precedenti stagioni.
    Pertanto prima di tutto è utile consultare il proprio veterinario per individuare la scelta più corretta: tutti gli antiparassitari che trovate nei nostri negozi sono a base di imidacloprid o permetrina o ancora fipronil ma ricordate che alcuni prodotti sono tossici per i gatti! Controllate bene la confezione o chiedete ai nostri addetti vendita: sapranno cosa consigliarvi.
  • Costanza

    Essere metodici nell’applicazione è davvero fondamentale per l’efficacia della copertura: se siete tipi poco inclini all’organizzazione o non ricordate di segnare sul calendario una volta al mese la giornata della fialetta, potete ricorrere ai collari antiparassitari come Scalibor o  Seresto che, una volta indossati, hanno effetto anche per 7-8 mesi.
    I collari soprattutto per i gatti vanno indossati facendo attenzione che non siano troppo stretti (ricordate che sono già un po' elastici per la sicurezza del vostro animale) ma che non siano troppo larghi tanto da essere sfilabili: l’ideale è che passi un dito fra il collo dell’animale e il collarino. Ricordate infatti che anche se non aderenti la copertura è comunque garantita.
  • Protezione globale

    E’ importante sapere che oggi gli antiparassitari sono a ampio spettro e riescono perciò a fornire una copertura globale, anche dell’ambiente: contrastare infatti non solo la pulce già adulta ma la nascita di questa anche dove l’animale soggiorna è la chiave di svolta per vivere sereni con il proprio animale anche quando le temperature si faranno più calde. Tutti gli antiparassitari che trovate nei nostri negozi o online infatti proteggono anche l’ambiente dove vive il cane o il gatto e quindi, anche la vostra famiglia.

Ricordate infine che solo questo tipo di antiparassitari protegge anche dalla Lieshmaniosi, malattia infettiva che si trasmette con le punture di piccoli insetti e che è ancora diffusa in alcune zone della nostra bella Italia!

Seguite il nostro blog e iscrivetevi alla nostra newsletter per rimanere aggiornati e approfondire le tematiche che più vi stanno a cuore!  
Per consigli o domande sull’argomento scriveteci a consigli@villaggionatura.com e se ti è piaciuto questo articolo condividilo con chi vuoi!

Prossimo argomento: l’obesità.

Prodotto aggiunto alla Lista della Spesa